Visualizzazioni totali

mercoledì 16 maggio 2012

I turbamenti del giovane vendemmiatore

I GIORNI DELLA VENDEMMIA
di Marco Righi, Italia, 2010
con Marco D'Agostin, Virginia Longhi, Gian Marco Tavani

 
PROSSIMAMENTE AL CINEMA
PREMESSA:
Caso più unico che raro nel nostro cinema, è un film che ha trovato distribuzione grazie al passaparola: cominciando dalle sale Reggio Emilia, dove è stato girato, il film ha varcato man mano i confini dell’Emilia Romagna e a giugno dovrebbe finalmente (e miracolosamente) raggiungere una distribuzione pressoché nazionale. Dunque vi consiglio di seguire la pagina Facebook del film per sapere quando sarà proiettato vicino a voi.
TRAMA
Reggio Emila, 1984: mentre il diciassettenne Elia flirta con una parente più grande di lui arrivata per vendemmiare, la madre ultra cattolica prega e il padre si dispera per la morta di Enrico Berlinguer, “perché di altri come lui non ce ne saranno più”.
Ma arriva pure il fratello maggiore di Elia, il figliol prodigo libertino che compiaciuto guarda il libro sul comodino di Elia: Altri libertini di Pier Vittorio Tondelli.
Un film semplice eppure ambizioso, che racconta con sincerità la vita della provincia padana, divisa tra cattolicesimo e comunismo, elementi ai quali aggiunge una componente sessuale piuttosto esplicita e un ammiccamento letterario.
Realizzato con pochissimi mezzi, girato in poche settimane con attori non professionisti, questo film d’esordio del giovanissimo Marco Righi (classe 1984), merita di essere visto da un pubblico italiano più vasto. All’estero l’hanno già visto e apprezzato in molti: il film ha infatti partecipato a una decina di festival, vincendo il Festival di cinema italiano di Grenoble e il Milano International Film Festival.
Dategli anche voi una possibilità.
VOTO: 7

9 commenti:

  1. Grazie per la segnalazione, vedremo se sarà possibile incrociarlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente merita di essere visto!

      Elimina
    2. simona malagoli16 mag 2012, 20:31:00

      Il "miracolosamente" è merito del pubblico che ne parla bene. Grazie mille! simona

      Elimina
    3. la sorte del film è davvero una botta di ottimismo per chi vuole fare cinema in Italia! grazie mille a te!

      Elimina
  2. Sicuramente sarò in allerta, sembra un film di mio gradimento ;)
    Grazie mille perso ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì cara Melinda, ti consiglio di seguire attentamente la pagina Fb!

      Elimina
  3. Complimenti, mi piace un sacco questo blog!
    Il mio è nato da una sfida: voglio raccontare, ogni giorno, una pellicola in grado di trasemettere emozioni forti. Film drammatici ma non solo...
    Ti andrebbe di collaborare? Ho in mente un paio di idee per rendere la cosa interessante per entrambi.
    Se l'idea ti ispira, scrivimi su lascatoladelleemozioni@gmail.com
    A presto!

    RispondiElimina
  4. Bel film, l'ho visto ieri a Vicenza. Un film giovane, traboccante di passione.

    RispondiElimina