Visualizzazioni totali

sabato 9 luglio 2011

Trovate l'errore..

Ennesima trasposizione del celeberrimo romanzone di Alexandre Dumas padre, ambientato nel 1625, ovvero ai tempi di un Luigi XIII manipolato dalla moglie Anna d’Austria e Richelieu.

In una delle foto promozionali del film diretto da Paul WS Anderson, che vanta tra l’altro un cast che comprende la compagna del regista Milla Jovovich, il giovane Logan Lerman, Christopher Waltz e Orlando Bloom si nota il primo terribile anacronismo: riconosciamo subito Richelieu e dietro di lui è ben identificabile, anche se sfocata, la Galleria degli Specchi di Versailles, ultimata sotto il regno di Luigi XIV nel 1682.
Ai tempi dei Tre moschettieri Versailles era un piccolo capanno immerso nelle paludi.
Del resto dal regista di Resident Evil non mi aspettavo molta attenzione filologica. 
In autunno nei cinema, in 3D naturalmente.

9 commenti:

  1. Milla è ormai l'unica al mondo che mi può convincere a vedere un film in 3D! :P

    RispondiElimina
  2. I tre moschettieri+3D? puah che inutilità!

    RispondiElimina
  3. Se dai un'occhiata al trailer vedrai navi volanti, lanciafuoco, salti da 30metri... Versailles mi sembra il problema minore.
    ;)

    RispondiElimina
  4. @ robydick: :-D
    @ Christian: uhm..mai stato suo ammiratore!
    @ Anonimo: concordo!
    @ Watanabe: addirittura? E nessun astronave nei giadini di Versailles?

    RispondiElimina
  5. Ah, la Mila Yogurt si conferma nel suo ruolo stabile: morosa del regista di turno! Certo che andare a scomodare Versailles con tutte le sale del Louvre chiuse a turno per mancanza di personale di sorveglianza è stata una genialata!
    Come film sembra gradevole, un fumettone di cappa e spada. Vedremo

    RispondiElimina
  6. Guardando bene la foto vedo che non è Versailles, ma la sua copia bavarese: Herrenchiemsee (il parquet tradisce): http://www.herrenchiemsee.de/englisch/n_palace/pict07.htm

    RispondiElimina
  7. @ mauro: complimenti x lo spirito di osservazione!

    RispondiElimina
  8. L'occhio bionico non è mio, ma del mio ragazzo che è andato a rispolverare le foto del castello di Ludwig

    RispondiElimina