Visualizzazioni totali

venerdì 1 febbraio 2013

Cloud Atlas: rischioso, ambizioso e Kitsch, ma con un cuore



CLOUD ATLAS

Di Tom Tykwer, Andy e Lana Wachowski

USA, Germania, Singapore, Hong Kong 
Con Tom Hanks, Halle Berry, Jim Sturgess, Jim Broadbent, Hugo Weaving, Bem Whishaw, James D’Arcy, Doona Bae, Susan Sarandon
http://www.fraschettamania.it/wp-content/uploads/2013/01/cloud-atlas-poster-locandina-film.jpg


Se ti piace guarda anche: V per vendetta, The Fountain-L’albero della vita


TRAMA  E RECENSIONE

In ogni epoca ci sono idealisti, opportunisti, leader senza scrupoli, buoni e cattivi: sono i nostri crimini e le nostre gentilezze a plasmare noi stessi, la nostra vita e quella degli altri.


Questa pare la teoria dietro al film che si dipana in storie e personaggi speculari e complementari sia per tematiche che per giustapposizione visiva ottenuta grazie al montaggio, che è sicuramente il punto di forza di un film talmente ambizioso da risultare a tratti presuntuoso e ridicolo.

Ma è proprio l’ambizione che ha generato le opere più audaci e quindi a Tom Tykwer va riconosciuto il coraggio e la tenacia di aver portato a termine un prodotto di tali proporzioni. Il regista tedesco, oltre che aver diretto le parti migliori del film, è autore della sceneggiatura e compositore delle musiche del film. I Wachowski sono intervenuti per dirigere tre storie: quella ottocentesca, a loro non molto consona, ma alla fine convincente, quella distopica fantascientifica che porta il loro sigillo inconfondibile e infine quella post-apocalittica in cui danno il peggio, trasformando i toni già Kitsch dell’intera opera in qualcosa di puramente trash nei personaggi di Hugh Grant, Hugo Weaving e Susan Sarandon. Ma non si può dire che abbiano rovinato il progetto di Tykwer e anzi, i tre registi sembrano condividere più di un punto su alcune tematiche: una concezione distopica del futuro, la necessità della ribellione armata, l’amore omosessuale come forma d’amore più puro. Era la storia d’amore lesbico di cui Natalie Portman veniva a conoscenza durante la sua detenzione a raggiungere le vette più toccanti di V per vendetta ed è l’amore tra il ricco scienziato di James D’Arcy (Edward e Wallis) e il musicista scapestrato Ben Whishaw (Ritorno a Brideshead) che in Cloud Atlas viene eletto a simbolo dell’amore più puro. Ed è proprio quest’ultimo episodio quello più riuscito, in quanto capace di mescolare una struggente storia d’amore a riflessioni sulla reputazione sociale nonché sul talento artistico. 

La parte degli anni ’70 vorrebbe essere un thriller (con tanto di grillo parlante che spesso ci ricorda quali sono i cliché del genere) ma dopo un avvio promettente si perde in una trama caotica.

Migliore è l’episodio con al centro Jim Broadbent, il migliore degli attori in campo, che ci regala qualche risata e rende il film meno serioso. Cosa di cui non sono in grado di fare i Wachowski che prendono tutto troppo seriamente scadendo spesso nel ridicolo (dalla maschera del Jim Sturgess asiatico al PapaSong dell’episodio coreano fino al terribile segmento sui primitivi del futuro).

Concludendo, si può definire Cloud Atlas un’opera estremamente ambiziosa e rischiosa che più volte inciampa in ingenuità e comicità involontaria, ma che è dotata delle due più importanti componenti del cinema: il cuore e lo spettacolo visivo.

VOTO: 6,5

16 commenti:

  1. E' un buon film, con temi ambiziosi.
    Ma sembra che imbocchi troppo la mente dello spettatore. Non ho trovato troppi "brividi" nello scoprire il film... anche per merito della scelta della sceneggiatura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, condivido, pochi brividi, scorre piuttosto liscio. Ma non è detto che sia un gran difetto.

      Elimina
    2. in poche parole: mi è piaciuto!

      Elimina
  2. Hai già riassunto meravigliosamente il film col titolo del post!
    Comunque a me è piaciuto davvero tantissimo, non dev'essere stato facile dare forma a questo grandioso affresco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per nulla facile, soprattutto considerando che i registi lavoravano in nazioni diversi!!

      Elimina
  3. Piaciuto molto molto anche a me! Emozionante e visivamente splendido!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non pensavo che avesse tanti sostenitori!:-)

      Elimina
  4. cuore?
    ma dove?
    è solo una schifezza imbarazzante ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei senza cuore, per quello ti nutri dei cuori altrui, Cannibal.

      Elimina
    2. Noi non lo abbiamo visto, così ci fidiamo del tuo post e ti abbiamo linkato su Facebook! Cannibal, sei troppo cattivo!! :-)

      Elimina
  5. Vedo che di questo film si può dire lo stesso di THE TREE OF LIFE: lo ami o lo odi, lo esalti o lo vituperi (io appartengo alla schiera dei vituperanti)
    comunque lo proporrò al giudizio dei lettori A FINE ANNO quando sarà passato per SKY e per il mercato dei DVD
    noto che per ora lo hanno visto in pochi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io a dire il vero non lo esalto e non lo vitupero!

      Elimina
  6. Non è una schifezza come alcuni dicono né un capolavoro. Il tuo voto ci sta. Tom Hanks rimane comunque insopportabile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti da anni ha solo ruoli pessimi!

      Elimina
  7. scusa la volgarità ma... che due coglioni di film!!!

    RispondiElimina