Visualizzazioni totali

venerdì 22 febbraio 2013

Re della terra selvaggia

RE DELLA TERRA SELVAGGIA
(Beasts of the Southern Wild)
di Benh Zeitlin
con Quvenzhané Wallis e Dwight Henry
 CANDIDATO A 4 PREMI OSCAR
Se ti piace guarda anche: Vita di Pi

TRAMA
Hushpuppy è una bambina che vive col padre (spesso assente, iroso e malato) in un villaggio fatiscente ai margini del mondo civilizzato, che si trova dall'altra parte di una diga. A scuola le insegnano come affrontare il giorno in cui l'acqua tornerà a sommergere le loro terre. Quando ciò avverrà, Hushpuppy si dimostrerà all'altezza del compito.
RECENSIONE
Piccolo film di una piccola storia di formazione in cui una giovane bambina, a dire il vero già indipendente, riesce ad affrontare il mondo là fuori, fatto di mostri preistorici ritornati in vita e di dolori familiari che saprà gestire con grande coraggio.
Con pochissimi mezzi il giovanissimo (classe 1982!) esordiente Benh Zeitlin, ha adattato un testo teatrale di Lucy Alibar, Juicy and Delicious: il risultato è un film appunto delizioso, che traspira entusiasmo e dimostra che anche con poche risorese si possono fare film dignitosi.
Il cast è composto da due straordinari protagonisti improvvisati, Quvenzhané Wallis, sei anni ai tempi delle riprese e più giovane candidata all'Oscar, e Dwight Henry, nel film  padre della bmabina e nella vita fornaio: entrambi ci mostrano quanto può essere sottile il confine tra professionalità e improvvisazione. 
Poi c'è la musica, composta dallo stesso regista e Dan Romer, che è una delle colonne sonore più belle della stagione.
Ma al di là di attori e musiche stupefacenti, il film non offre molto altro: è una bella favola, certo, edificante, ma come ogni favola la storia è esile e poteva essere raccontata in meno di quei 90 minuti che pur non essendo molti alla fine si fanno sentire a causa di una certa ridondanza o gratuità di alcune scene.
Un film fresco e diverso, che però non merita tutti i premi che ha vinto. 
VOTO: 7

17 commenti:

  1. io l'ho trovato delizioso, alla faccia di quella porcata di Pi!

    RispondiElimina
  2. Delizioso è davvero l'aggettivo più adatto! Dalla storia, dalla protagonista, dalla colonna sonora e dagli effetti speciali tutto è davvero delizioso!

    RispondiElimina
  3. Budget limitato...sì relativamente (per un opera prima)...2 milioni di dollari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1,8 per l'esattezza!:-) Beh confronto al resto dei film che vediamo di solito e un budget limitato!

      Elimina
  4. L'ho visto proprio in questi giorni e l'ho trovato un piccolo, dolcissimo capolavoro con una grande protagonista!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora anche tu fai parte di quel 99,9 % del pubblico di cui io non faccio parte!

      Elimina
  5. i premi li merita eccome.
    e considerando che agli oscar potrebbe non conquistare granché, forse ne meriterebbe anche di più...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai sei sempre più delirante Cannibal!

      Elimina
  6. E' una bella opera prima, però ci andrei cauto con la 'delicatezza' e col dire che è una favola... in realtà è un film durissimo, che lancia un'accusa forte sulla democrazia e il sistema sociale americano. La piccola protagonista è molto brava ma la nomination all'Oscar mi sembra esagerata: in fin dei conti 'parla' solo in voce off... comunque è da vedere.

    RispondiElimina
  7. In ogni favola in fondo c'è una critica durissima a un sistema no? Questa è una favola che ha anche un interessante aspetto distopico, ma secondo me è favola in quanto racconto di formazione fantistico. La nomination all'Oscar è fuori luogo, concordo: c'è gente che lavora sodo per guadagnarsi riconoscimenti, mentre lei, diciamoci la verità, è una bambina di 6 anni che ha improvvisato e giocato.

    RispondiElimina
  8. Sostanzialmente d'accordo con te.
    Sicuramente molto affascinante e emozionante, visivamente notevolissimo, però alla fine non mi ha convinto molto.
    Si ha come l'impressione che il regista si sforzi di adattare il proprio stile ai canoni della recente produzione indipendente americana, quella del Sundance film festival per intenderci, quindi: trama bizzarra, fotografia sgranata, regia concitata con telecamera mossa e attori possibilmente no professionisti. Cosa che in fin dei conti lo rende un film dalla estetica manieristica, che ne mortifica e svilisce la bellezza che ha già di per se. Rimane un bel film, da vedere, da apprezzare. La soundtrack di Romer e Zeitlin è qualcosa di magico. Mai scorderò il tema di Once There Was A Hushpuppy. <3
    Voto 7,5

    RispondiElimina
  9. finalmente uno che la pensa come me!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande!!!! Siamo una rarità! una specie da proteggere!

      Elimina