Visualizzazioni totali

mercoledì 10 ottobre 2012

Virzì si conferma uno dei migliori registi italiani in circolazione



TUTTI I SANTI GIORNI
di Paolo Virzì,
Italia, 2012
con Luca Marinelli, Federica Victoria Caiozzo in arte Thony, Micol Azzurri
Genere: Commedia

Se ti piace guarda anche: La prima cosa bella, Tutta la vita davanti
DATA DI USCITA: 11 OTTOBRE

Gli opposti si attraggono e ne sono la dimostrazione Guido (Luca Marinelli) e Antonia (Thony), lui colto, impacciato e fuori dal mondo e dal tempo, lei ragazza disinibita con passato turbolento e il sogno di fare la rockstar sostituito con quello di diventare madre.
I personaggi di Guido e Antonia sono descritti e interpretati talmente bene da entrare subito nel cuore dello spettatore: nelle loro esistenze, nei loro pregi e difetti è facile riconoscersi, ma ciò non significa che siano ordinari. Sono personaggi speciali che si muovono in un mondo banale e volgare, ben rappresentato dai burini da cui sono circondati (i vicini di casa, i clienti del pub). Guido è un uomo di altri tempi, in tutti i sensi, che parla un italiano antico e letterario incomprensibile ai più e colma di attenzioni l’amata e confusionaria compagna che lo ricambia amorevolmente.
Il loro sogno di diventare genitori si scontrerà con la dura realtà e l’iter medico che li trascinerà in un’avventura esilarante e toccante. Ma Antonia, dietro all’apparenza sicura, è un’anima fragile, che non accetta le proprie origini, non sopporta la sua famiglia e nemmeno se stessa, finendo per avere atteggiamenti autodistruttivi. Guido, al contrario, apparentemente goffo e fragile, è in verità sicuro e deciso e sa che la sua Antonia, nonostante tutto, è un essere speciale e lui avrà cura di lei.
 
A due anni da La prima cosa bella, che collezionò lodi per limpidità di scrittura e bravura nella direzione degli attori, Paolo Virzì torna con una storia intimista ispirata a un romanzo (La generazione) del concittadino Simone Lenzi e lascia ancora il segno con un bell’esempio di cinema italiano ben scritto, diretto e interpretato, capace di far sorridere (in questo caso tanto) e commuovere, confermando il fruttuoso sodalizio con Francesco Bruni (anche regista del sorprendente Scialla!). Applausi ai due sconosciuti interpreti, un Luca Marinelli cult e l'esordiente e irresistibile Federica Victoria Caiozzo in arte Thony, nella vita cantante e per l’occasione anche autrice anche delle canzoni del film.
VOTO: 8-

6 commenti:

  1. addirittura? questo film me lo sparo volentieri, ma bada bene, IL MIGLIOR Regista italiano si chiama Paolo Sorrentino, poi viene Garrone e poi forse Virzì... dosiamo le parole :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti io ho detto "uno" e non "il". Concordo con il tuo ordine, anche se questa volta Virzì e Garrone sono in pareggio. Garrone è migliore con le immagini, Virzì con le parole.

      Elimina
    2. si scherza perso cmq siamo in totale accordo! ;)

      Elimina
  2. certo che però per il trailer potevano sforzarsi di più,
    perché fa venire voglia di tutto fuorché guardarlo... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trailer terribile, l'ho penstato anch'io!

      Elimina