Visualizzazioni totali

giovedì 18 ottobre 2012

Il giorno può anche essere speciale, il film no!



 UN GIORNO SPECIALE
 di Francesca Comencini
Italia, 2012,
con Giulia Valentini, Filippo Scicchitano 
Genere: Commedia drammatica

Se ti piace guarda anche: Pianoforte, A casa nostra.

Storia di due vite precarie che si incontrano a Roma in un giorno pieno di promesse per entrambe.
Lei è una ragazza carina, con una mamma che la prepara, orgogliosa e agitatissima, per il suo grande giorno: quello in cui concederà delle prestazioni sessuali a un senatore nella speranza di ottenere in cambio qualche lavoro come attrice.
Lui è un ragazzo carino al suo primo giorno di lavoro come autista incaricato di portare l’aspirante showgirl dal senatore.
L’inizio è promettente, il finale furbo, ma sostanzialmente il film non presenta motivi d’interesse, vuoi per la trama scontata e già conosciuta, i dialoghi poco sinceri, i personaggi poco incisivi.
          
I due attori, lei esordiente e lui già sorprendente protagonista dell’apprezzato Scialla! si impegnano a rendere credibili situazioni e dialoghi che non lo sono, ma non possono fare molto per una sceneggiatura che non rende loro giustizia. In particolare, il personaggio maschile ha un’involuzione che si fatica a comprendere, mentre la protagonista fin dall’inizia rappresenta bene la rassegnazione e la superficialità del personaggio.
Era un film che aveva bisogno di una caratterizzazione dei personaggi molto forte e di scelte registiche originali, elementi che mancano nel nuovo lavoro della regista di Lo spazio bianco e Mi piace lavorare (Mobbing).

Voto: 4,5

11 commenti:

  1. pensavo di risparmiarmelo, adesso ne ho avuto la conferma. thanx :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. You're welcome! Sapevo che era brutto, ma ero curioso comunque

      Elimina
  2. Questo non lo vedo nemmeno se mi legano alla poltrona. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì sì! non è proprio il mio genere, diciamo...

      Elimina
  3. lo sapevo, non fai che confermare le pessime aspettative! daje tutta, col pene che me lo vedo! ;)

    RispondiElimina
  4. Direi che me lo aspettavo. La storia è furba e francamente fastidiosetta. Da saltare a piedi pari, figurati che mi ha irritato anche "Lo spazio bianco...".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello però è stato apprezzato dalla critica, questo no, e mi associo!

      Elimina
  5. Io l'ho visto a Venezia, dove è stato accolto nel gelo e nell'indifferenza generale... film scontato, ruffiano, furbo e molto ipocrita. Troppo facile oggi sparare a zero sui vizi e il malcostume italico senza dire niente di nuovo. Viene da chiedersi come un film così mediocre, quasi una fiction televisiva, possa essere selezionato per il Lido... Assolutamente da evitare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e uno bello come "Tutti i santi giorni" al Lido non ci è passato...

      Elimina