Visualizzazioni totali

sabato 28 gennaio 2012

Scoprendo Laura

PAULINE ET FRANÇOIS

DI RENAUD FELY

FRANCIA, 2010

Con Laura Smet e Yannick Renier

Genere: dramma sentimentale nemmeno tanto drammatico


Visibile fino al 1 febbraio con sottotitoli in italiano qui.
 


Ieri Laura Smet è stata arresta mentre vagava nuda, sotto l’effetto di stupefacenti e alcool, tra le strade dell’elegante VI° arrondissement di Parigi.
L’anno scorso invece è stata ritrovata priva di sensi in una chiesa, a causa di un cocktail di farmaci e alcool e secondo i maligni gossip si trattava di un tentato suicidio.
Ma chi è Laura Smet?
È una bellissima ragazza di 28 anni ed è figlia della popstar francese Johnny Halliday e dell’attrice Nathalie Baye (Effetto notte, La camera verde).
Ed è un’attrice, tra l’altra brava, e guardacaso protagonista di questo Pauline et François che è il suo ultimo film, nonché uno dei lungometraggi che anche voi potete vedere su My French FilmFestival.

TRAMA
Pauline (Laura Smet) comincia a lavorare in una piccola filiale bancaria di un minuscolo villaggio e si trasferisce in una grande casa isolata, immersa nella natura. Per fortuna di fronte, in una sorta di dependance, abita François (Yannick Renier), che si è occupato del ristrutturazione della casa e che ancora svolge dei lavoretti per sistemarla.
Una sera lui la invita fuori: e cosa fa un ragazzo francese di campagna quando invita una ragazza a uscire con lui?
Naturalmente la invita ad addentrarsi nella foresta di notte per sentire i bramiti dei cervi in calore. I due scoprono di avere entrambi un lutto alle spalle, sono soli ed attraenti: come andrà mai a finire questo film?

TRAMA
Non succede nulla in questa pellicola, per fortuna breve, a parte uno sciocco colpo di scena finale (ma tranquilli loro comunque si mettono insieme)  che comunque nulla aggiunge, se non del minutaggio indispensabile.
Tra silenzi e sguardi, paesaggi e buio, il film avanza cullato da una gradevole, quanto semplice e ripetitiva, musica strumentale che accompagna i suoni della natura.
E se da un lato la sceneggiatura è troppo debole nell’elaborare una trama, è assai fine nel costruire i personaggi, di cui sappiamo assai poco, ma ciò ci basta per entrare in empatia con loro e per renderli veri e affascinanti.
Il discorso vale anche per i personaggi secondari, che sono a dire il vero i più interessanti nella loro ordinaria debolezza, tra gelosie e avidità.
Lo spettro della crisi economica è presente anche in questo film, dopo De l'amour et de l'eau fraiche, ma come tutti gli altri temi, è solo accennato.
Resta comunque una conferma del talento di Yannick Renier, fratello del ben più noto Jérémie (L'enfant, Il ragazzo con la bicicletta, Potiche) e soprattutto un modo per scoprire la fragile Laura Smet.
VOTO: 6


4 commenti:

  1. All'inizio del tuo post pensavo stessi già parlando della trama ed invece era vita vera :)
    Mi fido del tuo giudizio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho fatto volutamente!:-) buon weekend!

      Elimina
  2. il film non mi attira molto, ma 'sta laura smet sembra un bel personaggino :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti..l'ho recensito solo dopo aver conosciuto questo fatto di cronaca. Sì un personaggio tragicamente interssante.

      Elimina